Ad un passo dal paradiso, al 7 Laghi JohnRay ci fa sognare.

    Ad un passo dal paradiso, al 7 Laghi JohnRay ci fa sognare.

    Un weekend pazzesco per JohnRay Tronza ed il giovane FM Racing Team dei fratelli Monfrini.

    Una domenica caldissima alla pista 7 Laghi Kart di Castelletto di Branduzzo. Oggi qui si disputa la quinta tappa del Campionato Easykart Trophy by Birel Art, il campionato monomarca più numeroso nella categoria 60cc nel panorama karting italiano. Un campionato storico ambito da numerosissimi piloti anche stranieri.

    JohnRay Tronza è pronto, questa pista la conosce bene ma qualcosa non va come dovrebbe. Infatti il warm up si è contraddistinto per una piccola noia al motore che ha rischiato di creare enormi danni, e qualche traiettoria da migliorare. JohnRay non è quindi riuscito ad andare oltre il ventiquattresimo tempo. Non riuscivamo a crederci e neanche lui se lo spiegava.

    Il team si è subito dato da fare ed al momento delle qualifiche JohnRay ha stupito tutti. Lo vediamo balzare più volte in seconda posizione fino allo scadere del tempo. E’ stabile nelle prime posizioni ma viene superato proprio negli ultimi secondi segnando alla fine il 6° miglior tempo. Sono tutti fortissimi e vicinissimi. Parliamo di un decimo di secondo.

    Si parte per la Sprint Race e JohnRay fa una delle sue magie, sappiamo quanto sia bravo nelle partenze e al via passa dal sesto al secondo posto alla prima curva. Tenta di superare il leader della gara ma non riesce, è velocissimo. Prende il ritmo e rimane stabilmente nella sua posizione, poi per un errore di traiettoria perde una posizione e si stabilizza al terzo posto. Bravissimo. Ma dietro di lui un suo rivale proprio non riesce a passare, JohnRay è bravo a difendersi. In pieno rettilineo lo affianca e cambia improvvisamente e volontariamente traiettoria andando adosso a JohnRay mandandolo dritto sull’erba. Episodio molto scorretto che è stato prontamente segnalato al direttore di gara, con tanto di video, ma al quale non è stato dato il giusto peso, quindi nessun ammonimento o sanzione per il pilota che non fa del fair play un suo must, al contrario del nostro JohnRay.

    Così JohnRay arriva al traguardo in P8. Con la somma dei punti totalizzati tra Qualifica e Sprint Race accede alla Finalissima di nuovo in P6.

    Tutto da rifare. In Finale si parte di nuovo all’esterno, e non è la traiettoria migliore, ma JohnRay si ripete ed al via si riprende la seconda posizione. Strepitoso! Si lascia alle spalle anche il leader del campionato.

    Lì davanti sono tutti fortissimi, sono piloti professionisti e sono in pista tutte le domeniche, lui no. Ma JohnRay impara in fretta.

    Ci ha stupito vederlo lì davanti, sempre nelle prime tre posizioni in tutte le fasi delle gara. E’ un segno di maturità, JohnRay sta crescendo velocemente nonostante non abbia tutte le possibilità dei suoi fortissimi avversari. Siamo tutti orgogliosi di lui.

    Termina la Finalissima con un ottimo 6° posto.

    Manca ancora qualcosa per salire sul gradino più alto del podio. Bisogna migliorare la gestione della gara poiché le posizioni le ha perse proprio negli ultimissimi giri. La stanchezza dovuta al caldo eccessivo e la totale mancanza di allenamento si è fatta sentire. Ma ci siamo, ed i suoi avversari lo sanno.

    Abbiamo visto e capito tutti che JohnRay Tronza è pronto per ambire al podio ed ha raggiunto un livello tale da poter puntare anche al titolo se solo avesse l’opportunità di partecipare all’intero campionato.

    Grazie JohnRay per le emozioni che ci hai regalato in questo fantastico weekend.

    Ci vediamo l’11 settembre a Franciacorta.

     

    Si riparte, destinazione pista Internazionale 7 Laghi.

    Si riparte, destinazione pista Internazionale 7 Laghi.

    La pista Internazionale 7 Laghi Kart, è una delle preferite di JohnRay. Ci aveva già corso l’anno scorso nella Finale Internazionale. Ora dovrà disputarci la quinta tappa del Campionato Italiano della Easykart Trophy, trofeo monomarca promosso da Birel Art.

    John Ray è sempre ottimista, affronterà questa gara consapevole di conoscere già i segreti di questo leggendario circuito. “Spero in un buon piazzamento (dice JohnRay), sarà fondamentale una buona qualifica, Non sto correndo per il titolo ma per fare esperienza. So di essere veloce e costante, mi manca sempre un pizzico di fortuna in finale.”

    Speriamo di vederlo lottare per il podio, vedremo cosa riusciròò a fare in questa occasione.

    Seguite John Ray Tronza sui suoi canali social durante il weekend di gara. A presto…..

    JRT Crew

    Ottimo risultato per John Ray Tronza al South Garda Karting

    Ottimo risultato per John Ray Tronza al South Garda Karting

    Finalmente! Una gara senza contatti ha permesso al nostro John Ray Tronza di avvicinarsi alla vetta della classifica. Da subito e per tutto il weekend JohnRay era sempre presente nella top ten, in una pista a lui sconosciuta, infatti non ci aveva mai corso prima.

    Niente allenamento per lui prima della gara, dato che abbiamo venduto il suo personale kart per finanziare alcune di queste gare. Per lui le ultime in questa difficilissima e competitiva categoria con 36 piloti al via, nel caso dell’evento di Lonato.

    JohnRay ha trovato subito il giusto feeling con la gommatissima pista di Lonato, tempio del karting internazionale. Qui hanno corso e vinto i nomi noti della Formula 1 e lui sogna di ripercorrerne le orme.

    E’ stato un crescendo di emozioni per JohnRay, sempre ottimista e più motivato che mai.

    Addirittura venerdi JohnRay ha stupito tutti i presenti dando un assaggio delle sue abilità di guida. Un acquazzone ha improvvisamente allagato la pista; sprovvisti di gomme Rain (il meteo non prevedeva pioggia) e per non rinunciare all’ultima sessione d’allenamento pomeridiano, abbiamo visto il nostro JohnRay entrare in pista con le gomme slick.

    Ci ha davvero stupiti vedere tutti con le rain andare fuoripista quasi ad ogni curva durante i primi giri, ma lui no. E’ stata un’ulteriore conferma del suo talento.

    Nonostante la totale assenza di grip riusciva a percorrere le curve con facilità e senza sbavature. E’ stato l’unico a rimanere in pista per tutta la sessione senza grossi problemi. Abbiamo visto alcune facce meravigliate quando al suo rientro si sono accorti di cosa era appena accaduto.

    Arriviamo finalmente al giorno della gara, quarta tappa del Campionato Easykart Trophy.

    In qualifica  JohnRay si piazza in P8, bene ma non benissimo visti i tempi che era già riuscito a fare. E’ difficile trovare spazio libero con trentasei piloti in pista, ma va bene. E’ comunque un buon piazzamento.

    Nella Sprint Race JohnRay è sempre impeccabile in partenza e recupera subito alcune posizioni nelle prime due curve. È proprio durante un sorpasso che un pilota più esperto lo tiene nella corsia esterna accompagnandolo sul cordolo in uscita curva. John perde alcune posizioni retrocedendo in P11.

    C’è tempo, è solo il primo giro, così inizia la sua rimonta e riesce a riportarsi in P9, ma partirà comunque P8 in Finale quale somma dei punti acquistiti nelle qualifiche e in gara 1. Quindi si ritorna al punto di partenza, speravamo di scalare la classifica invece è tutto da rifare.

    Anche nella finalissima JohnRay parte benissimo, ne approfitta e si infila di nuovo all’interno, portandosi subito in P5 alla prima curva, insieme al gruppo di testa. Ci siamo, si può lottare per il podio.

    Tutto bene, è carico e motivato, obiettivo è raggiungere la quarta posizione ma dopo alcuni giri il suo Kart perde potenza e lo vede costretto a seguire il gruppetto di testa e mantenere la sua posizione.

    John Ray chiude con un ottimo ottavo posto. Non male, anche se siamo consapevoli che può ambire al podio che speriamo non tarderà ad arrivare.

    Ora prepariamoci per la prossima gara, ci vediamo a Castelletto di Branduzzo nel circuito internazionale 7 Laghi. Pista che John conosce bene, ci aveva corso la Finale Internazionale nel 2021. Vedremo se l’esperienza maturata in questo meraviglioso circuito lo aiuterà magari a vincere la sua prima gara Easykart.

    Photo by Easykart Italy

     

    Prima volta al South Garda per John Ray Tronza

    Prima volta al South Garda per John Ray Tronza

    Tutto pronto, si parte per la quarta tappa del trofeo Easykart Trophy a Lonato del Garda dove trova si trova il tempio del karting, la pista internazionale del South Garda.

    Anche qui per John Ray è la prima volta, ma non sembra affatto preoccupato.

    Li, dove hanno corso le leggende del Karting e della F1, JohnRay provererà a concretizzare le suè indiscusse capacità, sperando questa volta, in un po di fortuna in piu.

    Seguiteci sui nostri canali social e ci rivediamo qui nel dopo gara per raccontarvi come è andata.  A presto…

    Il piu piccolo pilota Legend Cars Italia

    Il piu piccolo pilota Legend Cars Italia

    Come sappiamo JohnRay non corre solo in kart.

    E’ da circa un anno che ha iniziato ad avvicinarsi alla disciplina automobilistica velocità circuito. 

    Il primo approccio con le auto da corsa lo ha avuto appena undicenne presso il Castelletto Circuit con le leggendarie Legend Cars, lasciando tutti di stucco quando, dopo il briefing con l’istruttore Adriano Monti e valutato idoneo, lo videro entrare in pista insieme ai piloti ufficiali, nomi noti del campionato italiano, con sicurezza e senza timore, come un vero professionista. 

    Conosciuto e rispettato nel paddock nonostante la sua giovane età, JohnRay in questo circuito si sente a casa.

    Per JohnRay il Castelletto Circuit è sempre tappa fissa.

    Ad ogni uscita oltremare ne approfitta per allenarsi il più possibile e perfezionarsi in vista del raggiungimento dell’età idonea per poter correre nei campionati ufficiali in circuito.

    Per quanto riguarda le auto, il suo obbiettivo è solo uno, fare il corso e prendere al più presto la licenza Velocità Circuito presso l’autodromo di Mores, nuova sede della scuola federale in Sardegna, con il super istruttore Omar Magliona.

    JohnRay ha le idee ben chiare, da grande vuole correre a livello professionale, anche fuori dell’Italia.

    Ma con le Legend è stato amore a prima vista. sarà per quel meraviglioso sound e per quel fascino così retrò.

    Fino a quel momento le aveva viste solo nei gettonatissimi video dello Youtuber più famoso d’Italia, Alberto Fontana, noto come Naska, anche lui pilota Legend Cars.

    Con Alberto si sono incontrati piu volte e JohnRay ha fatto tesoro dei suoi numerosi ed utilissimi consigli.

    Poi finalmente, è arrivato il giorno in cui ha avuto la possibilità di vederle di persona nel capannone del Legend Cars Italia, un vero paradiso per gli amanti di questa disciplina.  

    Dopo vari accorgimenti per garantirne la sicurezza, quel pomeriggio si è finalmente concretizzata la possibilità di entrare in pista sbalordendo tutti i presenti. 

    Non ci si aspetterebbe da un ragazzino così tanta maturità, eppure lui lo fa con estrema naturalezza e disinvoltura, come se l’avesse fatto da sempre.

    Ci fanno notare che è il piu piccolo in assoluto ad aver guidato queste auto. Tanto che hanno dovuto fare un sedile su misura per lui.

    La scelta dell’auto per lui è ricaduta nella soluzione più complicata. Ci spiega Adriano Monti: “JohnRay userà l’auto con la frizione manuale perché se impara con quella saprà guidare davvero!”.

    JohnRay non si è di certo lasciato intimorire, dopo aver messo in moto ha ingranato la marcia ed è entrato per una lunga sessione in pista. Si è adattato immediatamente e giro dopo giro le cambiate erano sempre più veloci e precise.

    Certo, con il cambio sequenziale elettronico sarebbe stato più facile per lui, ma ci ha piacevolmente sorpreso il suo spirito di adattameto e la sua velocità di apprendimento pressochè immediata, tipica di un vero pilota da corsa.

    Da lì in poi abbiamo visto JohnRay migliorare a vista d’occhio. Sicuro ed affidabile nella conduzione del mezzo, capace di districarsi con sicurezza nel traffico del circuito.

    Da quel giorno abbiamo ripetuto questa esperienza tante volte e JohnRay ha avuto modo di incontrare e scambiare due chiacchere con tanti campioni come Luca Ferrario, Campione Italiano Legend Cars in carica, il simpaticissimo Gianluca e il figlio Simone Borghi, lo stesso Naska e tanti altri.

    Molti curiosi si avvicinavano spesso alla vettura di JohnRay incuriositi e un po increduli.

    Abbiamo visto lo stesso Gianluca Borghi durante la sessione di prove libere rallentare ed aspettare JohnRay per mostrargli le traiettori ottimali di questo meraviglioso circuito.

    E ci piace ricordare quando Christian Merli, Campionissimo della categoria Velocità Salita presente in pista, stentava a credere che JohnRay, cosi piccolo, potesse riuscire a guidare queste leggendarie auto.

    Ebbene, John Ray l’ha fatto, e non vede l’ora di riprovarci.

    Ora aspettiamo  solo la prossima occasione per ripetere questa meravigliosa esperienza.

    E chissà, magari un giorno vedremo JohnRay guidare una di queste laggendarie auto anche in Sardegna.

     

    Un doveroso ringraziamento ad Adriano che segue JonhRay con simpatia in questo suo percorso e allo splendido staff del Castelletto Circuit.

    JRT Crew

     

    John Ray Tronza: Jesolo, un occasione sprecata.

    John Ray Tronza: Jesolo, un occasione sprecata.

    Sulla storica Pista Azzurra di Jesolo, il giovane pilota John Ray Tranza ha partecipato alla prima prova del Trofeo Easykart, campionato monomarca promosso da Birel Art.

    Supportato dal ragazzi del Fm Racing Team del fratelli Sergio e Giovanni Monfrini, che accompagneranno John Ray in questa nuova avventura.

    John Ray ha corso per la prima volta su questo tracciato, con soll due giomi disponibili per studiare, interpretare ed ottimizzare la bellissima pista, definita difficile e tecnica.

    Nelle prove libere ufficiall Il giovane Tronza ha segnato da subito degli ottimi tempi che facevano ben sperare, ma con quasi quaranta piloti iscritti nella categoria 60 mini l’impresa era ancora più ardua.

    In qualifica, con qualche problemino di troppo, John Ray ha ottenuto la decima posizione in griglia per la Sprint Race nella quale, con una accesissima rimonta, e arrivato al traguardo in quinta posizione (P5).

    Solo un po’ di rammarico per aver perso tempo nella prima fase di gara. si è precluso cosi la possibilità di arrivare tra le prime tre posizioni e scalare la classifica generale.

    In finale quindi, sommando i tempi dei due gruppi 1e 2. con il regolamento standard sarebbe dovuto partire in nona o decima posizione, invece, l’organizzazione, per poter far correre tutti gli iscritti nella finalissima, ha deciso di non far correre le due finali A e B separate, dove nella prima vanno i più veloci della giornata.

    Quindi il giovane Tronza, sommando gli ottimi tempi, ma compresa la qualifica non andata benissimo, si è visto retrocedere in diciottesima posizione in griglia di partenza nella finalissima.

    Alla partenza John Ray ha recuperato qualche posizione, ma un contatto subito in fase di sorpasso lo ha portato leggermente fuoripista costringendolo ad alzare il piede e perdere alcune posizioni.

    Finito nel foltissimo gruppo di coda, dove la battaglia era accesissima, ha subito un altro contatto, questa volta anche con danni, che lo hanno costretto ad alzare il piede per non subire ulteriori danni e finire la gara ormai compromessa.

    Ma a questo punto, tutti gli altri piloti sono sfilati via e JohnRay si è ritrovato in venticinquesima posizione, ben lontana da quella che si meritava.

    Purtroppo, oltre al danno, anche una penalità per il musetto rientrato, conseguenza del contatto laterale subito da John Ray.

    Tronza è andato fortissimo insieme ai piloti più veloci e ben più esperti: il Team JRT è comunque soddisfatto delle performance, nonostante non abbia la possibilità di allenarsi prima di ogni gara, riesce sempre ad essere subito competitivo.

    L’unica cosa che dispiace al giovane Tronza è aver raccolto pochi punti in ottica campionato.

    Per ora il Team ha confermato la partecipazione a quattro gare su sette, più la finale internazionale, ovviamente tutto dipende dal sostegno economico dei partner ed eventuali altri nuovi sponsor che permetterebbero la partecipazione a tutte le gare del campionato e recuperare punti per ambire al podio iridato.

    Per il costante supporto nell’intensa stagione agonistica, John Ray Tronza ringrazia lo sponsor Campesi Impianti.

    
    Fonte: Tuttomotori News