Esordio amaro per John Ray nella 60 Mini, purtroppo nonostante i suoi sforzi e i soliti prodigi non è riuscito a gareggiare.
Il mancato supporto per la carburazione, in questa nuova categoria, ci ha di fatto esclusi dalla gara. Non eravamo pronti a garantire il top per il pilota John Ray.

Siamo arrivati in gara convinti di aver preparato tutto al meglio, di aver tutto il supporto necessario, ma cosi non era. Eravamo soli.

Il mancato supporto per la gestione della carburazione ci ha esclusi dalla qualifica, John ha potuto fare solo un giro, per poi rientrare subito ai box.

In pre-finale, vista la mancata qualifica, John Ray parte ultimo e rimonta fino alla 4 posizione grazie al setup di fortuna messo a punto dal Papà. John dimostra di esserci e gira con i tempi dei primi, fa una spettacolare rimonta con bellissimi sorpassi con gli agguerritissimi piloti Canu e Caria, molto più esperti di lui e si avvicina insidioso al gruppo di testa.
In finale il problema si ripete e dopo una strepitosa partenza dove stava insidiando la seconda posizione, vede il suo kart rallentare al suo primo giro e passare in coda al gruppo per poi non poter fare altro che rientrare ai box per ritirarsi.
E’ andata così, un boccone amaro da buttare giù. Un’opportunità di fare bene in mezzo ai grandi buttata via. Ci riproveremo, ora iniziamo daccapo e riorganizziamo il tutto per la prossima gara.

Anche perdere serve, per vincere.